Per ridare corpo e vivacità a una chioma che appare spenta e senza luminosità, spesso basta schiarire il colore di pochi toni. E per farlo non occorre necessariamente un colore pieno, ma può bastare un tonalizzante per capelli.

Ma cosa sono i tonalizzanti?

Sono colorazioni che servono a rendere più omogenei i capelli decolorati o schiariti, che contengono un livello di perossido molto basso e pigmenti diretti, perfetti per tonalizzare capelli già schiariti, dando loro un riflesso più intenso. Questo fa sì che il tonalizzante non penetri nel profondo del capello e non cambi il suo colore al livello chimico poiché il pigmento rimane sulla superficie e, lavaggio dopo lavaggio, va via. Per esempio, con Casting Crème Gloss, potrai ottenere una chioma luminosa e brillante, ravvivando il tuo colore di base e coprendo i primi capelli bianchi. Il risultato dura fino a 28 shampoo ed il colore rimane naturale e brillante a lungo. La tonalizzazione, in genere, viene effettuata dopo la colorazione proprio per ridare corpo ai fusti che sono stati svuotati, ma si può utilizzare anche su capelli naturali per ravvivare i riflessi e dare luminosità alle lunghezze. Essendo un trattamento privo di ammoniaca ed arricchito con la pappa reale, Casting Crème Gloss può essere utilizzato anche su capelli indeboliti da precedenti trattamenti o da condizioni atmosferiche avverse, come la prolungata esposizione al sole del periodo estivo.

Inoltre, trattandosi di una colorazione semi-permanente e facilmente applicabile anche a casa, è adatto alle giovanissime che possono così vedere riflessi luminosi e colorati sui loro capelli, senza ricorrere a trattamenti invasivi che potrebbero danneggiare le loro chiome.

 

Quale nuance scegliere?
Per prima cosa è importante scegliere una tonalità che si avvicini alla propria base. Il castano chiaro è la base perfetta per la tonalizzazione poiché tutte le sfumature risulteranno vivaci e intense. Anche i capelli biondi sono i adatti in quanto con la tonalizzazione si può sia aggiungere intensità al colore naturale, sia modificarlo in modo anche sostanziale con nuovi riflessi. Il risultato naturalmente non durerà molto, però può anche essere vista come un’ottima possibilità per provare se vi starà bene il colore nuovo. Infine, le tonalità castane e caramello della gamma cioccolato aiuteranno a passare dal biondo al bruno.

 

Vedi anche:

QUALE TONALITÀ DI BIONDO SCEGLIERE E COME PRENDERSI CURA DEI CAPELLI CHIARI?

CHE COS’È IL BALAYAGE BIONDO E COME SI PUÒ FARE IN CASA?