Il termine shatush ha ormai conquistato un posto d’onore nel nostro vocabolario di stile e moda: sdoganato da tantissime celebrities, questa tecnica di decolorazione dei capelli è diventata una delle richieste più frequenti fatte ai parrucchieri di tutto il mondo.

Ma da qualche tempo, un’altra parola si sta imponendo nelle tendenze moda di chi ama il colore: si tratta del balayage, che è sempre una tecnica per decolorare i capelli ma si differenzia dallo shatush sia per procedimento che per risultato finale.

(vedi anche SHATUSH CAPELLI: COME MANTENERE LA BRILLANTEZZA ; SHATUSH: LE ULTIME TENDENZE PER I TUOI CAPELLI ; DECOLORAZIONE: DI COSA SI TRATTA? ; SHATUSH: COSA é E COME OTTENERLO IN CASA )

Se sei un’appassionata di shatush ma pensi sia arrivata ora di cambiare rotta, o semplicemente sei in cerca di risposte per capire quale dei due stili faccia al caso tuo, ecco tutto quello che devi sapere per non rischiare di avere brutte sorprese.

Come si ottiene lo shatush

Lo shatush o “effetto sfumato” è una tecnica di schiarimento dall’effetto molto naturale, che si ottiene cotonando i capelli e procedendo con una decolorazione a diverse gradazioni, ciocca per ciocca. Se hai deciso di provare un effetto sfumato direttamente a casa tua, assicurati di scegliere la nuance che fa per te e segui le istruzioni contenute nella confezione: ottenere l’effetto desiderato sarà un gioco da ragazzi.

La tecnica del balayage

Il balayage, invece, è perfetto se vuoi schiarire solo le lunghezze e le punte, per un “colpo di testa” illuminante ma non drastico. A differenza dello shatush, il balayage è una tecnica per cui non si opera ciocca per ciocca, ma uniformemente su tutta la capigliatura. In questo modo, senza cotonare il capello, questo verrà schiarito iniziando dalla radice fino ad arrivare alle punte, per un effetto luminoso; è un modo davvero facile per donare volume ai capelli lunghi o lisci, e per valorizzare i tagli più corti incorniciando il viso con piacevoli raggi di colore. Sono molto simili ai colpi di sole, amati e utilizzati proprio da chi vuole riaccendere i capelli spenti. Anche questa tecnica,  puoi provare a farla a casa tua, scegliendo la tonalità perfetta per il tuo colore e affidandoti al tuo istinto.

Per riassumere: scegli lo shatush per un gioco di colori dove il contrasto non stenta di certo a farsi riconoscere, invece vai verso il balayage se pensi che un effetto più naturale sia il modo giusto per valorizzarti al meglio!