Solitamente quando si pensa a capelli rovinati e sfibrati, il pensiero corre, alle doppie punte, all’eccessiva secchezza e in alcuni casi si arriva a parlare addirittura di capelli come bruciati. Ma una delle caratteristiche principali dei capelli secchi è che si spezzano facilmente e un errore da non compiere è quello di confondere questo problema con le doppie punte.

 

Queste ultime, infatti, riguardano le estremità del capello che dopo un po’, per vari motivi, si aprono e si biforcano, mentre i capelli spezzati sono il segnale di un malessere più profondo della chioma, “vittima” di vere e proprie micro-fratture lungo il fusto, non solo sulle punte. Dunque, in tal caso tutto il capello risulta fragile, sfibrato e tagliare le sole doppie punte non risolve il problema , ma occorre adottare  un programma più completo.

 

COME EVITARE CHE I CAPELLI SI SPEZZINO

I capelli lunghi sono più soggetti a spezzarsi, per ovvi motivi, essendo la loro superficie più lunga e ampia, I capelli sono costituiti principalmente da cellule di cheratina legate fra loro da una sorta di “cemento” intercellulare. Il tempo e le aggressioni esterne ne danneggiano prima la superficie e poi ne intaccano la struttura, così la chioma si sfibra, si indebolisce e perde vitalità. La cuticola danneggiata non costituisce più una barriera efficace contro le aggressioni esterne ed ecco che i capelli risultano danneggiati e appaiono secchi e crespi. A livello più profondo, nella corteccia, composta da cellule altamente organizzate, si può verificare una progressiva diminuzione di cheratina che provoca un indebolimento del capello e una modifica delle sue proprietà meccaniche come elasticità e resistenza. E le cause?

Anzitutto, esiste un tipo di deterioramento naturale del capello dovuto al passare del tempo, che comporta una diminuzione graduale di alcuni costituenti quali ceramide e cheratina; tuttavia le cause più frequenti sono i fattori esterni ambientali che provocano un’eccessiva secchezza, ma anche interventi sbagliati, vediamone alcuni:

Brushing troppo aggressivi, con spazzole, phon e piastre inadeguati: meglio scegliere un asciugacapelli a ioni che non toglie umidità al capello dato che gli ioni frammentano le molecole di acqua nel capello lasciando la cuticola esterna sigillata, garantendo maggior lucentezza; per quel che riguarda la piastra, meglio utilizzarne una con rivestimento in ceramica.

Spazzolare troppo energicamente i capelli li danneggia, quindi sarebbe meglio cominciare dalle lunghezze, districandole, e poi passare a occuparsi della parte più vicina alle radici

Di conseguenza i rimedi più semplici e dal risultato pressoché immediato sono legati alla costante cura del capello e a una buona routine quotidiana. Vediamo insieme prodotti e step da seguire per prendersi cura dei capelli rovinati e sfibrati:

– Utilizzare prodotti troppo aggressivi non favorisce certo l’elasticità della chioma. L’ideale sarebbe prediligere quelli specifici come Elvive Dream Long, la linea di hair care di L’Oréal Paris che si prende cura dei capelli lunghi evitandone danneggiamento e doppie punte. La sua formula con keratina vegetale ha un’azione ristrutturante che permette di preservare le lunghezze.

– Un consiglio:  mai dimenticare di applicare una maschera o, meglio ancora, una crema ristrutturante come Elvive Dream long Bye Bye Spuntatina, che protegge dalle aggressioni quotidiane, rinforza le lunghezze e sigilla le doppie punte. Grazie alla sua fomula con keratina vegetale,  vitamine PP e B5 e olio protettivo ricco di omega 9 e acidi grassi, ha un’azione altamente nutriente che dona lucentezza e rende i capelli morbidi e disciplinati.