Men Expert

Come annodare una cravatta: Il nodo Trinity!

Come annodare una cravatta: Il nodo Trinity!

Benvenuti al nostro capolavoro del nodo alla cravatta. Con un po’ di abilità può riuscirti il nodo Trinity – ed è un colpo d’occhio spettacolare.

 

La nozione Trinity arriva dall’inglese e si riferisce alla Santa Trinità teologica. Il simbolo delle trinità si crea con la sovrapposizione di tre cerchi. Da qui si è creato il nodo Trinity. I nodi standard come il nodo Windsor sono belli e buoni, e soprattutto pratici. Per delle occasioni particolari, ovvero per uomini speciali, può essere adatto anche un nodo originale. Il nodo Trinity appartiene a questa categoria.

 

Il nodo ultimato si compone alla fine di tre triangoli. In confronto con gli altri nodi stravaganti quello Trinity non è troppo complicato da fare. Per via del fatto che è annodato in modo leggero, risulta grande e cattura gli sguardi.

 

Con quale tipo di cravatta si può annodare il Trinity?

 

Il nodo viene intrecciato più volte, per questo funziona solo con una cravatta di una stoffa sottile e flessibile. Dovresti comunque anche prestare attenzione al fatto che la cravatta dovrebbe essere abbastanza lunga, con una troppo corta non c’è lunghezza a sufficienza per intrecciarla in modo ottimale.

 

Quale camicia si può abbinare a un nodo Trinity?

 

Il nodo Trinity si abbina bene con una camicia classica o comunque con un colletto stretto. Ma anche qui vale il motto „Meno è più“, visto che il nodo da solo è già rappresentativo e appariscente. A quale fisico si abbina il nodo Trinity? Il Trinity è un nodo che fa effetto ed è elegante tanto da catturare tutti gli sguardi, e sta bene a ogni tipo di uomo. Attira gli sguardi automaticamente sul collo  e sul viso di chi lo indossa, per questo si dovrebbe prestare l’attenzione a una barba curata.

 

Così riesce il nodo Trinity!

 

1º Passo: Metti la cravatta intorno al collo. La parte più larga della cravatta deve arrivare più o meno all’altezza dell’ombelico, questa sarà la stessa posizione che avrà una volta fatto il nodo. La parte più sottile è quella che si usa per fare il nodo.

 


 

2º Passo: Poggia l’estremità sottile sopra quella larga e poi falla passare da sotto attraverso l’anello del collo.

 


 

3º Passo: Fai passare la parte sottile della cravatta dietro a quella più larga.

 


 

4º Passo: Infila ora l‘estremità della cravatta da sotto dal lato sinistro nell’anello del collo.

 


 

5º Passo: Porta adesso l’estremità sottile da davanti attraverso l’anello del collo indietro dall’altro lato.

 


 

6º Passo: Porta di nuovo l’estremità davanti orizzontalmente sopra la parte larga della cravatta – lascia tutto abbastanza lento.

 


 

7º Passo: La parte sottile va nuovamente tirata da dietro attraverso l’anello e attraverso il nodo, e va passata sotto attraverso il fiocco formatosi al 6º Passo.

 


 

8º Passo: L’estremità infilata, portala dietro all’estremità larga dall’altro lato – e lascia un’altra volta tutto allentato.

 


 

9º Passo: Porta ora l’estremità da sotto attraverso l’anello piccolo sopra.

 


 

10º Passo: Metti il colletto giù e nascondi il piccola parte restante dell’estremità dietro al nodo.

 


 

11º Passo: Mentre fai i vari passaggi puoi sempre cambiare ancora l’aspetto del nodo Trinity. Se il nodo è legato stretto sembra più piccolo, se lo annodi in modo più allentato sembra più grande e più dominante.

 


 

Non funziona? Vuol dire: Esercitarsi! Esercitarsi! Esercitarsi! O forse è meglio scegliere un altro nodo, per esempio il doppio nodo Windsor.

 

E chi sta ad un passo dall’arrendersi, può dare un’occhiata a YouTube-Channel di Patrick Novotny. Lui è il maestro dei nodi alla cravatta e dimostra nei suoi video i diversi metodi che esistono per annodare una cravatta.

 

Per un nodo perfetto della cravatta ci vuole anche l’adeguata cura mattutina del viso. Qui puoi vedere come puoi avere ogni mattina un look fresco e perfetto.

 

Scopri i prodotti giusti per la tua barba >