Il contouring si basa sul semplice principio della correzione ottica applicata al make up. Il sapiente utilizzo di prodotti chiari e scuri, applicati su diverse zone del volto e sfumati ad arte, permette di sottolineare il fascino dei punti più eleganti, distogliendo contemporaneamente l’attenzione da quelli meno apprezzati. Si tratta di una tecnica antica e basilare, che si è perfezionata nel tempo per giungere fino ad oggi con una serie di preziosi segreti per scolpire i lineamenti del viso ed esaltarne lo charme. Inizialmente appannaggio dei professionisti del settore, il contouring si è progressivamente democratizzato, ed è ormai alla portata di tutti coloro che hanno la pazienza di apprenderne i fondamenti. Pochi principi essenziali, gli stumenti giusti e una buona dose di manualità sono sufficienti per iniziarsi ‘all’arte del contouring’ con alcuni indispensabili rudimenti per sfruttarne al meglio le risorse.

Eppure quello che potrebbe semplicemente sembrare un trend beauty attuale (sebbene dominante) è un vero e proprio universo di stili. Leggero o più marcato, dagli accenti rosati, dorati o bruni, dall’effetto soffice basato sull’uso di polveri, a quello più intenso ottenuto con texture liquide e cremose, il contouring è una vera e propria manna per chi desidera nascondere i difetti del naso, degli zigomi, della fronte, etc… Se realizzato con maestria questo particolare make up è capace di far passare in secondo piano persino un accenno di doppio mento. Perché non inoltrarsi alla scoperta delle origini e delle curiosità legate ad una tendenza make up che è molto più consolidata di quanto potrebbe sembrare?

Le origini della tecnica

Le origini del tecnica del contouring affondano nella storia stessa del make up. L’abitudine di mettere in risalto alcuni tratti del viso rispetto ad altri era molto diffusa in ambito teatrale già nell’antichità. Passando per diversi stadi ed evoluzioni, il contouring, nato per esaltare la mimica degli attori e raggiungere meglio il pubblico enfatizzando le emozioni del volto, è arrivato ai giorni nostri attraverso una lunga tradizione di escamotage e trucchi di scena. Dal cerone al fard marcato, fino alle labbra rosse accentuate solo al centro, innumerevoli esempi di contouring sono rintracciabili già all’inizio del secolo scorso. Non c’è da stupirsi se questo efficace gioco di ombre e di punti luce, costruito con linee e volumi pensati per ridisegnare l’equilibrio dei tratti ed enfatizzarne l’espressività, abbia trovato naturale applicazione nel mondo del cinema a partire dai suoi albori. Gli esempi di contouring rimandano alle icone cinematografiche degli anni ’20 e ’30, per intensificarsi successivamente ed hanno ormai superato gli stretti confini dei camerini delle più grandi star di Hollywood.

Il segreto di bellezza delle Dive

In fondo si tratta di uno dei segreti di bellezza meglio custoditi delle Dive del secolo scorso (quelle con la ‘D’ maiuscola naturalmente). Le attrici più famose degli anni ’50 e ’60 erano solite affidarsi ad abili truccatori per apparire sempre al meglio. Make Up Artist ante litteram si affannavano per enfatizzare volti solari e sensuali, zigomi voluttuosi, labbra morbide e definite, che risaltavano ‘come per magia’ sul grande schermo e in immagini che hanno fatto la storia del Cinema. Un lavoro svolto nell’ombra che ritorna per svelare il potenziale di una tecnica che ormai può dirsi ‘alla portata di tutti’.

Contouring e il trend contemporaneo

Le tendenze attuali riportano in auge questa tecnica di maquillage studiata per esaltare le forme del viso nascondendone i difetti. Il contouring è ritornato a far parlar di sé grazie ad alcune star d’oltreoceano, che hanno l’abitudine di servirsi abbondantemente di questo tipo di make up come un vero e proprio ‘marchio di fabbrica’.

Il contouring è ormai uscito allo scoperto e spopola, non solo sulle passerelle. Star seguitissime, blogger famose e rinomate it-girl spingono quotidianamente la tendenza rendendola accessibile al grande pubblico e declinandola anche in versione strobing, tecnica più semplice e naturale basata unicamente sulla valorizzazione di punti luce strategici e non sulla creazione di chiaroscuri compositi. Si tratta di un trend crescente sostenuto online nei siti di bellezza e consigli. Numerosi video-tutorial dedicati, pubblicati su YouTube e sui maggiori siti di condivisione di contenuti, permettono a chiunque di cimentarsi con questo procedimento a tappe da mettere in pratica con perizia con l’aiuto di un pennello angolato.

Sculpting e highlighting: le parole d’ordine di un trend fotografico

Scolpire e mettere in rilievo il viso, regalandogli una nuova armonia, ecco le chiavi di volta di questa tecnica che ha un numero crescente di ammiratori. A cavallo tra sculpting e highlighting il contouring ha innumerevoli ‘potenzialità fotogeniche’, che trovano applicazione nel contemporaneo. Il grande ritorno della fotografia in bianco e nero non è estraneo alla nuova ondata di diffusione del contouring. Il contrasto studiato di tale make up risalta particolarmente nella scala di grigi e conferisce alle immagini una ricchezza tridimensionale molto apprezzata dai fotografi professionisti e da quelli amatoriali.