A inizio di ogni nuova stagione si rinnova il rito delle tendenze, soprattutto per i capelli: colori, tagli nuovi da sperimentare, styling da provare che si susseguono con una tale frequenza che a volte è difficile seguirli o tenerne conto. Ad esempio, la frangia, che attira sempre e che questo inverno si porta lunga e che se proprio non dovesse piacere o se si è indecise rispetto al ciuffo, si può sempre trasformare in un pratico gringe, il ciuffo frangia che piace a molte star. Tra i tagli, invece, dopo anni di medio, tra bob e lob, vince il corto, in versione boyish ovvero alla maschietta o più femminile, ingentilito da lunghezze più accentuate e ciuffi lasciati liberi. E tra i tagli di capelli corti, si sta imponendo il bowl cut, ovvero il taglio a scodella dritto, grafico e lineare. Mentre il classico caschetto o i tagli lunghi prediligono scalature e sfilature in puro stile ’70 e ‘80. Torna anche il riccio, a rivitalizzare chiome che per troppo tempo hanno subito l’imperativo del liscio. Per quanto riguarda i colori, i rossi questa stagione predominano e in particolare il Fallayage, una tecnica che si rifà ai tipici colori autunnali e in particolare a quelli camaleontici delle foglie degli alberi. Ma il biondo non cede il suo scettro, tra calde sfumature tendenti al castano, dal miele al cenere a più fredde come platino e ice blonde magari ravvivato da ciocche colorate. Non vi resta che scegliere, tra tutte le tendenze capelli di stagione, quelle che fanno per voi.

CAPELLI CORTI

Questo inverno 2018 i corti vedranno un vero e proprio successo. Perché il corto è pratico da mantenere, perché dà un’aria spesso giovanile, perché versatile. Anche se i capelli corti, boyish, alla maschietta, à la garçonne o pixie più lunghi, sono un must have ormai da qualche stagione. Adesso però, vanno di moda tagli estremi, con rasature e colori che poche potrebbero permettersi, ma ingentiliti e resi più femminili da tocchi come un ciuffo più lungo, una frangia, un certo movimento. Anche i giochi di contrasti possono dare risultati notevoli, come un taglio magari più classico, ma con colori strong, pastello o addirittura fluo.

TAGLI MEDI: LOB, PIXIE E BOB

Si chiama lob il bob, ovvero il caschetto, il taglio medio, portato appena sopra le spalle. Tra i tagli medi che hanno spopolato negli ultimi anni è quello che forse ha attirato di più, anche molte celebrities, perché versatile. Si può portare con riga al centro o laterale e soprattutto extra-liscio o mosso e più o meno scalato. A dominare la stagione sarà anche l’ob-swag, ovvero il caschetto scalato e sfilato sulle punte e con la parte alta della testa più piena, spesso accompagnato da una frangia, lunga o lunghissima e anch’essa scalata. Infine, il pixie cut, il taglio medio ma corto che sfiora appena le orecchie, sarà un’altra versione da provare, sfilato sulla nuca o più pieno e più o meno scalato, in versione sixties.

TAGLI SCALATI E SFILATI: SWAG

Soprattutto i tagli lunghi quest’inverno si porteranno scalati e sfilati, come negli anni ’70 e ’80. Medi, corti e lunghi, i tagli di capelli di stagione vivono di lunghezze sovrapposte su più livelli, in grado di dare una sensazione di morbidezza e movimento e un’immediata allure rock.  I capelli scalati, infatti, è come se fossero vivi, soprattutto se impreziositi da tocchi di colore che vanno a sottolineare i diversi livelli e a rendere quasi l’idea della plasticità materica, quasi fossimo in presenza di effetti 3D. Se la scorsa stagione ha dominato il mullet, il taglio medio iper-scalato, più corto sulla sommità della testa e lungo su collo, adesso ritroviamo scalature altrettanto dinamiche e più diversificate. Se c’è un elemento, infatti, che caratterizza più di ogni altro le chiome scalate, è proprio la dinamicità, il movimento. Inoltre, altro elemento caratterizzante dei tagli scalati è quello di restituire un’immagine fortemente rock, vibrante, di derivazione anni ’70.

LA FRANGIA: XXL

Quest’anno la frangia si porta lunga, anzi lunghissima a sfiorare gli occhi. Piace sempre perché è facile da gestire, copre fronti molto spaziose e mette in risalto lo sguardo. Inoltre, la frangia lunga è versatile perché si può portare con i capelli corti, lunghi e medi, può coprire delle fronti molto spaziose ridonando equilibrio al volto e, generalmente, mette in risalto lo sguardo. Infine, quando ha stufato, si può tranquillamente trasformare in un comodo e trendy gringe, il ciuffo-frangia tanto amato da alcune star.

BEACH WAVES

Le onde tra i capelli sono uno dei maggiori trend degli ultimi anni. e i motivi sono molto semplici: stanno bene a qualsiasi tipo di viso, sono affascinanti, voluminose e non devono essere perfettamente in ordine per essere ammalianti. Le più note sono quelle degli angeli di Victoria’s Secret, meglio definibili come flat waves, ovvero onde piatte ma ordinate. In alternativa, per look più sofisticati, le classiche onde in stile Hollywood, ordinatissime e definite.

RICCIO NATURALE

Dopo anni di dittatura del liscio sono tornati i capelli ricci, più naturali possibile. Dal mosso all’afro, oggi le chiome devono essere naturali al massimo. Insomma, si può parlare di vera e propria rivincita delle ricce, che hanno a disposizione anche nuove linee e prodotti di cura ad hoc.

RIGA AL CENTRO (MA ANCHE DI LATO)

La riga come si porta? Anche se è una questione del tutto personale, gli hair stylist consigliano di portarla al centro, per far risaltare le scalature della chioma e le onde. È anche vero che la riga fa la differenza, perché portata al centro o di lato, è capace di cambiare un’acconciatura e di dare un twist al solito taglio. Profonda, in alcuni casi va a sfiorare le tempie. Leggermente volumizzata alle radici, la riga è capace di dare un’allure bon ton e, se accompagnata da un finish wavy, può invece trasformare un normalissimo hair look in un grunge look dalla grinta particolare. Insomma, che vogliate darvi un tono o se invece, anche solo per una serata, volete armarvi di un’allure rock, la riga è quello che vi occorre. Dovete solo saperla modulare a dovere!

IL FRISÉ È TORNATO

Ha spopolato negli ani ’80, il frisé o crimped hair, è tornato questa stagione in forme diverse, in una versione contemporanea e soprattutto portabile. Non più cotonature estreme, ma più contenuto, con poco volume e a volte realizzato solo su alcune ciocche.

COLORE: BRONDE

È un mix di biondo e bruno, miscelati per creare nuovi riflessi sulle punte. In superficie i capelli sono illuminati con colori chiari, sotto sono ombreggiati con nuance più scure. Diversamente da altre tecniche di colorazione, i capelli non vengono schiariti sulle punte ma tonalizzati con colori ad acqua o tone sur tone che vanno a miscelare biondo e castano. Niente stacchi netti, dunque, ma schiariture e sfumature uniformi, perfette per bionde e castane e per ogni età. Rappresenta un po’ la base per i colori più cool del momento, dal Cream Soda al Pop Champagne al Cora Hair, ad esempio.

FALLAYAGE

È l’ultima tendenza in fatto di colore di capelli. Fallayage si basa sui giochi di luce tra le tonalità tipiche del foliage, ovvero il cambio di colore delle foglie degli alberi in autunno e balayage, la tecnica di schiaritura del colore più nota. Il fallayage consiste in schiariture del colore con tonalità miele, caramello e rame. Il colore trend dell’inverno 2018 è adatto a tutte le lunghezze ed è ideale per chi ha una base castana o mora. Per chi invece, parte da una base chiara, permette di donare luminosità ai capelli.

 

COLORE: IL BIONDO

Caldo, freddo, luminoso o più “polveroso” non importa, perché quello che davvero conta è che la testa venga illuminata da una luce particolare, che diventa quasi beige fino a sfociare nel nude. Su tutta la capigliatura, effetto color block o solo sulle punte. Cream Soda e Champagne Pop sono, almeno fino ad ora, gli hair color top dell’autunno. Se il primo è un caldo mix tra il castano e il biondo dalla particolare luminosità, tendente quasi al pesca e perfetto per le castane che vogliono alleggerire la base senza creare troppi contrasti, il Pop Champagne mixa invece biondo chiaro ma con sottotono caldo e platino, un insieme insolito e “multitasking” perché raramente si riesce a ottenere la mescolanza di toni caldi e freddi in un unico colore. Ma c’è anche il biondo freddo, quasi bleach, accesso da ciocche e sfumature fluo. Resiste poi il tiger eye, una sorta di castano illuminato da sfumature più chiare.

Scopri qui tutti i prodotti per trattare i capelli >