Il nero è uno di quei colori senza compromessi, audace quanto basta per spaventare moltissime donne e dissuaderle dal provarlo, dal momento che si tratta anche di una tinta che non permettere facilmente di tornare indietro ai colori più chiari. Tuttavia, quello che in molte non sanno, o comunque tendono a sottovalutare, è il carattere deciso che il nero – soprattutto l’ebano – è in grado di conferire a un volto, esaltandone i pregi e minimizzandone i difetti, visto che solitamente l’attenzione viene catturata dalla chioma e solo successivamente si ferma a considerare un naso magari troppo importante o una mascella piuttosto squadrata. Il nero è anche il colore ideale per chi desidera esaltare i propri occhi, soprattutto se chiari: una serica frangetta color ebano, un caschetto simile a quello sfoggiato dalla celebre eroina dei fumetti Valentina, incorniciano lo sguardo, lo mettono sotto i riflettori, rendendo ancora più magnetici un paio di occhi azzurri o verdi.

Il nero sta bene a tutti?

Un altro errore che si fa di frequente quando si parla di questa tonalità per certi versi estrema, è quello di pensare che essa stia bene esclusivamente alle donne dalla carnagione scura, olivastra, o comunque con un sottotono sul giallo. Niente di più sbagliato: come dimostrano moltissime dive del passato e dei giorni nostri, il nero sta benissimo anche a chi ha la pelle chiara, poiché crea un contrasto audace e seducente, che intriga e incuriosisce. Non solo, perché un viso di porcellana, un’epidermide diafana e quasi trasparente, incorniciata da ciocche color ebano, rappresenta un tipo di fascino sempre più in voga, che gioca sugli opposti e consente di amplificare la seduzione di ogni elemento del viso femminile: accentua gli zigomi, addolcisce la mascella, riempie le labbra e non da ultimo rende l’insieme più luminoso. Ciò non vuol dire che chi ha la pelle scura oppure tendente al giallo, come le orientali, non stia bene col nero; tutt’altro. Come testimoniano le bellissime Gong Li, Freida Pinto, Liya Kebede e Zoe Saldana, il nero può rappresentare la tonalità ideale per un look particolarmente caldo ma al tempo stesso sofisticato, uno stile da pantera nera già portato in passerella dalla splendida, inimitabile Naomi Campbell, che ha sempre abbinato una chioma splendente e scurissima a una pelle altrettanto scura, resa più luminosa da un sapiente utilizzo di creme illuminanti, ciprie e blush colorati, molto accesi.

Chi ha la pelle scura e i capelli neri, può permettersi di giocare con i colori sia nell’abbigliamento che nel trucco; per acceso che sia, non esiste infatti colore che non venga esaltato dal nero, che permette di sperimentare anche i mix più audaci. E che dire del bianco? Fasce, fermagli, pettini e accessori bianchi, magari impreziositi da dettagli gioiello e pietre splendenti, possono essere abbinati con successo ai capelli scuri, che restituiscono loro una luminosità accentuata.

Il nero non è piatto

Un altro errore che si fa molto di frequente quando si parla del nero o comunque delle tonalità più scure, è quello di credere che si tratti di un colore piatto, senza sfumature. Nulla di più falso: al contrario, se ci si affida a tinte di qualità, il nero ossidiana è una tinta estremamente brillante e ricca di riflessi, che dona luce all’incarnato e conferisce a tutta la figura una naturale eleganza. Risultare banali e scialbe con una chioma di questo colore è praticamente impossibile, dal momento che riesce a donare carattere persino ai volti più anonimi. Tra le tinte scure oggi in commercio, inoltre, è possibile scegliere che tipi di riflessi si desiderano: si va dall’ebano più puro a riflessi sul rosso-bordeaux, ma anche sul viola e sull’intramontabile nero-blu.