La forfora è tra i problemi per capelli tra i più fastidiosi da sopportare quando raggiunge certi livelli. Perché oltre a pruriti e fastidi al cuoio capelluto, compresa un’infiammazione causa di rossori, spesso la pelle si desquama cadendo e posandosi sulle spalle. Più o meno visibile a seconda che si tratti di forfora grassa o secca. Entrambe causate da un microrganismo, la Malassezia Ovalis, che alberga sulla testa e che in particolari condizioni prolifera scatenando una reazione immunitaria che dà origine alla desquamazione cutanea. Se ampia, allora si tratta di forfora grassa, se di piccolissime dimensioni, allora di forfora secca.

Ma come eliminare la forfora? Le soluzioni sono molteplici, tanto che alcune risultano del tutto inefficaci, frutto di miti e tabù, che dettano regole da non seguire. Innanzitutto va sfatata la credenza che la forfora sia legata alla scarsa igiene. Anzi, a volte è vero l’esatto contrario: la desquamazione del cuoio capelluto avviene anche per il cosiddetto effetto rebound: quando la testa viene lavata troppo spesso, magari con shampoo non specifici, la pelle reagisce infiammandosi e producendo più sebo del necessario, soffocando i bulbi e dando origine alla suddetta desquamazione.

Un altro mito da sfatare riguarda i capelli grassi: anche chi ha i capelli secchi può incorrere nella forfora, che dipende dallo stato di salute della cute. Infatti, non è detto che chi non ne sia affetto ne sarà immune sempre, poiché la forfora può comparire in qualunque momento, anche a causa di stress. E soprattutto non bisogna pensare che sia un problema non curabile: basta adottare una corretta routine di hair care. Come la linea specifica Elvive Phytoclear Antiforfora, composta da shampoo per capelli normali, normali 2 in 1, grassi e cute sensibile, scrub e lozione.

Scopri i prodotti giusti per trattare i capelli >