Pelle

Acido ialuronico, Botox o collagene: scegli la tua iniezione

Acido ialuronico, Botox o collagene:  scegli la tua iniezione

Le iniezioni di filler sono uno dei protocolli più comunemente utilizzati in medicina estetica. Ma quale scegliere? Acido ialuronico o Botox®? E il collagene?

Quali promesse si nascondono dietro queste iniezioni la cui fama è ormai equiparabile a quella delle star che le utilizzano e che grazie ad esse possono esibire un look sempre giovane e splendente?

Iniezioni di collagene per il riempimento con acido ialuronico, focus sugli aghi per le “non” rughe.

 

Iniezione di collagene – sempre meno popolare

 

Popolare grazie al suo utilizzo da parte delle star negli anni ’90, l’iniezione di collagene è sempre meno praticata. Il vantaggio principale consiste nell’effetto duraturo. Il collagene è una componente proteica dei tessuti connettivi, incluso il derma. Fornisce la struttura e garantisce resistenza e compattezza. Ma dopo aver iniettato il collagene, questo non si organizza come il collagene prodotto naturalmente dalle nostre cellule, bensì agisce ripristinando semplicemente la densità dei tessuti. Inoltre, il collagene usato per queste iniezioni è solitamente di origine animale con rischiosi effetti collaterali dovuti ad allergie, ricadute infiammatorie e sul sistema immunitario. La raccomandazione ufficiale dei dermatologi è di cessare del tutto le iniezioni di collagene.

 

Iniezione di Botox®- ancora molto usata ma…

 

Ogni decennio ha avuto la sua moda in fatto di iniezioni e tossine botuliniche – un veleno potente prodotto da un batterio – quella al Botox è stata la protagonista degli anni 2000. Il principio, che è stato utilizzato fin dagli anni ’80 in casi medici come torcicollo congeniti e strabismo, agisce come un blocco selettivo su alcuni muscoli. Le iniezioni di Botox® sono usate per paralizzare i muscoli della parte superiore del volto che originano le fastidiose rughe d’espressione. L’effetto levigante è immediato, super efficace e reversibile dopo diversi mesi. Per un risultato naturale è preferibile ricorrere alle cure di un dermatologo professionale con anni di esperienza. L’effetto può durare fino a 8 mesi, poi bisogna ricominciare da capo. Alcuni medici stanno cominciando a osservare che le iniezioni diventano meno efficaci sul lungo periodo, devono essere infatti riproposte sempre più spesso e in dosaggio maggiore per mantenerne gli effetti, e in alcuni paesi si sta iniziando a iniettare Botox® per alleviare gli effetti della stanchezza.

 

Iniezioni di acido ialuronico

 

Sempre più popolare e meglio controllato dagli operatori del settore, il filler con acido ialuronico è l’iniezione più gettonata degli anni 2010. Queste iniezioni sono al 2° posto nella lista delle procedure dermatologiche lievemente invasive, e stanno avendo una diffusione senza precedenti. Un’iniezione di acido ialuronico basa il suo successo sull’origine naturale, sui pochi effetti collaterali, sull’immediatezza dei risultati e sulla grande versatilità. Un’iniezione di acido ialuronico aiuta a riempire una ruga in qualsiasi parte del viso, rimodellando i contorni del viso, ripristinando il volume degli zigomi infossati e rimpolpando le occhiaie sotto gli occhi o nella zona interna tra occhi e naso. Qualcosa che il Botox® non può assolutamente fare. Gli agenti reticolanti delle iniezioni di acido ialuronico aiutano infatti a ripristinare volume e idratazione per un’azione duratura. Gli effetti del trattamento possono durare fino a 12 mesi.